Il Consorzio BIM Piave di Belluno ha realizzato questo sito con lo scopo di creare una rete virtuale tra i vari portatori di interesse operanti nello sviluppo del territorio. Il sito è pertanto aperto a tutti i soggetti istituzionali - i cui loghi verranno di volta in volta affiancati a quello del Consorzio - che vorranno condividere le proprie esperienze nel settore energetico, con l'auspicio che questo spazio web possa divenire un concreto punto di riferimento ed uno strumento operativo per la diffusione di una cultura energetica rivolta al risparmio ed alla valorizzazione delle risorse rinnovabili. (Registrati per inviare le tue notizie e per poter partecipare al forum ed avere il supporto da parte dei nostri tecnici
                                                                                                      Il Presidente Giovanni Piccoli
 
Home
Conto Energia: fino ad 8 mila MW nel 2020 PDF Stampa E-mail
Scendono i prezzi del fotovoltaico e con esso gli incentivi concessi, ma è prevista ancora una forte crescita del settore.
Gli ultimi mesi del 2010 saranno dunque il momento migliore per investire nel campo delle energie rinnovabili, giacché gli incentivi, sino a Dicembre, rimarranno molto vantaggiosi in relazione al costo attuale delle installazioni.

Il solare trascina l’economia del rinnovabile, un trend confermato dal nuovo conto energia varato ultimamente dal Governo e pubblicato in Gazzetta Ufficiale fine Luglio 2010.

Il piano prevede di raggiungere i 3.5 mila megawatt istallati nei prossimi tre anni, mentre mire ancora più ambiziose sono state previste per il piano nazionale d'azione che il governo ha appena presentato alla Commissione UE, nel quale si prefigura una crescita esponenziale delle istallazioni che dovrebbero arrivare ad assommare 8 mila megawatt nel 2020.

In particolare il dott. Pigni direttore dell’APER (Associazione Produttore Energia da Fonti Rinnovabili) specifica che “sono stati introdotti gli incentivi per altri 200 megawatt per il fotovoltaico a concentrazione (aumenta il rendimento del silicio concentrando la luce sulle celle solari tramite specchi), e altri 300 megawatt per il fotovoltaico più innovativo, come le facciate solari o le finestre fotovoltaiche”.

Il piano dunque diversifica gli investimenti in modo ancora più particolareggiato e questo è senz’altro un bene.

Si assiste al contempo, però, ad una riduzione degli incentivi, che essendo legati al prezzo di mercato dei pannelli, risentono della generale riduzione dei costi determinata dalla concorrenza sempre più incalzante.

Nel 2011 difatti ci sarà una riduzione nell'ordine del 15% per le grandi centrali solari e tagli di circa il 4% l'anno nel 2012 e nel 2013. Forse è opportuno tranquillizzare, tuttavia, chi ha già usufruito di tali benefici non intaccherà i contributi già concessi in precedenza in questi anni: il nuovo rgime non intaccherà le condizioni economiche relative ai contributi già accordati, che peraltro, come accennato, hanno riscosso grande successo.

La distribuzione degli impianti fotovoltaici in Italia vede in testa le regioni del Nord Italia, a cominciare dalla Lombardia, che riporta circa il 16% delle istallazioni, seguono poi Emilia-Romagna e Veneto mentre al Sud Puglia e Sicilia sono al vertice di questa particolare classifica. E’ utile sottolineare tuttavia che questi investimenti sono di diversa natura: mentre nel Nord le installazioni riguardino specialmente piccoli impianti, dunque principalmente privati cittadini e piccole e medie imprese che utilizzano le risorse che il nostro Bel Paese offre per la soddisfazione del piccolo fabbisogno quotidiano, nel Sud il fotovoltaico sta sempre più caratterizzandosi come un investimento in larga scala, facilitato dalle condizioni climatiche e territoriali. E’ certamente esemplificativo il fatto che la sola Puglia vanti il 15% della produzione di fotovoltaico italiano. In altri termini si può dire che la “cultura” del rinnovabile ceda il passo al “business del rinnovabile”, le conseguenze socioeconomiche di questo trend le conosceremo solo col tempo.

Fonte PMI-dome

Ultimo aggiornamento ( lunedý 13 settembre 2010 )
 
< Prec.   Pros. >